Shoden, reiki primo livello


I benefici del Reiki

La storia del Reiki risale alle prime testimonianze scritte dell’umanità e, probabilmente, le sue radici affondano in epoche ancora più lontane.

Fu riscoperto a metà del 1800 da Mikao Usui che, dopo anni di approfonditi studi, scoprì una “formula” semplice, che consisteva nell’incanalare e donare energia universale per curare e sentirsi meglio.

Reiki infatti è il binomio tra:

REI: energia universale

KI: energia vitale interiore

Il primo insegnamento del Reiki

Quando qualcuno si recava da Usui per essere guarito, egli insegnava dapprima come trattare se stesso. Ciò includeva praticare e vivere i 5 principi e alcune tecniche spirituali di meditazione.

Ciò è quanto oggi chiamiamo autotrattamento.

Praticare ogni giorno, seguendo i 5 principi, significa conseguire una mente tranquilla secondo l’antica saggezza.

I cinque principi ‘Dal Manuale di Mikao Usui Sensei’

Nel Reiki non esistono dogmi, atti di fede o regole ferree ed assolute. Esistono però cinque principi, che, se ripetuti ogni giorno, impegnandoci un pochino alla volta nel metterli in pratica, possono essere la medicina spirituale per tutti i mali

Solo per oggi:

Non essere arrabbiato

Non ti preoccupare

Sii umile

Sii onesto nel tuo lavoro

Sii compassionevole verso te stesso e gli altri.

Reiki, ecco perché è adatto a tutti

La bellezza del reiki sta nella sua semplicità. E’ uno strumento che comincia a funzionare fin dal momento stesso dell’attivazione e non ci abbandona più. E’ è parte di noi. Siamo noi in contatto con tutto ciò che è vivo e in movimento. E’ una tecnica dolce che, oltre a ricaricarci di energia, ci fa raggiungere un profondo e gradevole senso di rilassamento, che è il primo passo per fronteggiare qualsiasi problema fisico o psicologico.

Reiki ristabilisce l’equilibrio del campo magnetico degli esseri viventi. La disarmonia energetica è fonte di malattie, depressioni e stress; Riequilibrando le nostre energie con il Reiki, possiamo combattere queste spiacevoli stati di malessere.

Con il Reiki si cura l’intero individuo e non si prende in considerazione solo la parte malata. Non esistono effetti collaterali o incompatibilità con qualcuno o qualcosa.

Bisogna ricordare però che il Reiki NON sostituisce la medicina tradizionale, di conseguenza, un operatore Reiki NON può fare diagnosi (a meno che non sia anche un medico)!!!

Corso gratuito Reiki a Torino, scopri di più!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *